Circolare n. 335 - Attribuzione credito scolastico e formativo triennio

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

Si richiamano le disposizioni esistenti sull’attribuzione dei crediti scolastici e formativi, unitamente ai criteri individuati dal Collegio Docenti. Il credito scolastico, risultato dalla media tra i voti conseguiti in ciascuna disciplina compreso il voto di condotta, contribuisce per ¼ a determinare il punteggio finale dell’esame di stato. Il Consiglio di Classe attribuisce ad ogni alunno un punteggio per ciascun anno del triennio, il punteggio massimo conseguibile come credito scolastico per i tre anni di corso è di 25 punti. All’attribuzione del credito scolastico concorrono sia fattori interni al mondo della scuola sia, per una parte denominata “credito formativo”, esperienze svolte al di fuori della scuola documentate e riconosciute sulla base della coerenza con l’indirizzo di studio, con le finalità educative e formative del P.O.F. e della ricaduta positiva sullo sviluppo della personalità dello studente.

  1. Il punteggio massimo attribuibile in sede d’ Esame di Stato è così composto:
  2. 25/100 di credito scolastico,
  3. 45/100 per le prove scritte (15/100 per ciascuna delle tre prove scritte),
  4. 30/100 per la prova orale.
  5. Il credito scolastico va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione i seguenti parametri:
  6. la media  dei voti,
  7. l’assiduità della frequenza scolastica,
  8. l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo
  9. partecipazione ad attività complementari ed integrative
  10. eventuali crediti formativi.
  11. L’ attribuzione della quota di credito scolastico relativa alle attività formative esterne alla scuola, in base alla normativa sul nuovo esame di stato, verrà valutata dal Consiglio di Classe considerando le seguenti tipologie di crediti
  • Attività sportive a livello Regionale o Nazionale documentate secondo le norme;
  • Attività sociali e di volontariato documentate secondo le norme e da valutare di volta in volta;
  • Attività artistiche e lavorative documentate secondo le norme legate all’ indirizzo distudio frequentato.

(estratto dalla circolare n. 335 del 20/05/2016)

Allegati

Contatti

Contatore visite